LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

FOCUS. LUGLIO 2005: Buttiglione: superato il silenzio-assenso. Davvero?

Redazione di Patrimoniosos, 8 luglio 2005, ore 18,45.

Alcune considerazioni sulla dichiarazione fatta ieri alla Commissione cultura della Camera dal ministro Buttiglione.

Il Sole 24 ore riporta oggi la notizia secondo cui il Ministro Buttiglione avrebbe dichiarato che “sulla vendita dei beni culturali non esiste più il silenzio assenso”.

La novità non sarebbe di poco conto e, soprattutto, sarebbe ben accolta da molti che criticarono fortemente l’introduzione nel Codice del meccanismo del silenzio-assenso per la verifica dell'interesse culturale.

Ricordiamo che la norma, prevista dal decreto legge “recante disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici” (D. L. 269/2003, convertito con modificazioni nella L. 326/2003, art. 27, c. 8, 10, 12, 13 e 13-bis), fu inserita nel Codice dei beni culturali (D. Lgs. 42/2004, art. 12, c.10) solo in sede di approvazione finale.

Ricordiamo anche che ciò avvenne nonostante le Commissioni Cultura della Camera e del Senato stigmatizzassero la procedura del silenzio-assenso.

È del febbraio 2004 il primo decreto che indica le modalità per la verifica dell’interesse culturale: individua due distinti procedimenti, uno per i beni immobili di proprietà statale, un altro per quelli di proprietà degli enti pubblici.

Secondo l’articolo del Sole 24-Ore di oggi 8 luglio, il Ministro avrebbe dichiarato che con un secondo decreto emesso nel febbraio 2005 sarebbe stata eliminata la procedura del silenzio-assenso.

Ci piacerebbe poter citare direttamente le parole del Ministro, ma non è possibile in quanto non sono ancora disponibili né il testo dell’Audizione del 28 giugno, quando la questione del silenzio-assenso era stata posta dall’opposizione, né, tanto meno, il testo di quella di ieri, 7 luglio 2005.

Vorremmo saperne di più. Tuttavia non possiamo non manifestare fin d'ora le nostre perplessità.

osservazione 1:

E’ possibile che un decreto ministeriale dirigenziale cambi una legge (ovvero la disposizione sul silenzio-assenso del Codice)?

osservazione n. 2:

Il decreto del 28 febbraio 2005 sembra ribadire la norma del silenzio-assenso poiché nelle premesse recita: “Rilevato altresì che l'art. 12, comma 10 del Codice stabilisce che resti fermo quanto disposto dall'art. 27, commi 8, 10, 12, 13 e 13-bis del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito con modificazioni nella legge 24 novembre 2003, n. 326”.

Osservazione 3:

Il decreto del 28 febbraio 2005 aggiunge un articolo in cui si prevede la possibilità di presentare regolare ricorso al TAR a fronte di un inadempimento dell’amministrazione pubblica. Tuttavia in questo punto il testo del decreto non è chiaro: “Qualora la pronuncia circa la sussistenza o meno dell'interesse culturale non intervenga entro il termine di cui al comma 1, i richiedenti possono diffidare il Ministero per i beni e le attività culturali a provvedere. Se il Ministero non provvede nei trenta giorni successivi al ricevimento della diffida, i richiedenti possono agire avverso il silenzio serbato dal Ministero ai sensi dell'art. 21-bis della legge 6 dicembre 1971, n. 1034, aggiunto dall'art. 2 della legge 21 luglio 2000, n. 205.»

Ora, anche a prescindere dal fatto che il comma 1 (almeno quello dell’articolo in questione, 4 bis) non indica termini temporali, ma solo l’obbligo di utilizzare il sistema informativo per l'inserimento dei dati, va segnalato che si tratterebbe comunque solo di “verifiche avviate d'ufficio”.

Osservazione 4:

Il decreto 2005 modifica solo le modalità di verifica relative ai beni in proprietà degli enti pubblici (art. 4), non tocca l’articolo 3 che riguarda i beni di proprietà dello Stato (prima applicazione).

In seguito a questi rilievi, pur non essendo giuristi, ci sembra che, contrariamente alle affermazioni del Ministro Bottiglione, il meccanismo del silenzio-assenso non sia stato eliminato.

Se ciò è successo, invece, ce ne rallegriamo, ma vorremmo sapere per quali categorie di beni ciò sia avvenuto e quali sono i testi giuridici che lo stabiliscono.

Redazione Patrimoniosos

--------------------------------

Aggiornamento di oggi, 9 luglio

Sull'argomento vedi anche il comunicato del Ministero per i Beni e le attività culturali e l' agenzia AGI del 7 luglio .



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news