LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

FOCUS. OTTOBRE 2005: Monete e archeologia preventiva .

L'intervento dello Stato era stato bloccato da una recente sentenza della Corte costituzionale. Gli interventi urgenti per il cinema(Schema dl Cdm 29.7.2005) Nuove norme per il sostegno pubblico al settore cinematografico, interventi per Cinecitt holding SpA e modifiche allordinamento della Biennale di Venezia. Sono alcune delle misure contenute nel decreto legge in materia di attivit cinematografiche approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 29 luglio 2005. In particolare il sistema del sostegno pubblico al settore cinematografico si bloccato dopo la recente sentenza della Corte di Cassazione, con la quale sono stati dichiarati inapplicabili i decreti attuativi delle procedure di finanziamento perch mancanti delle intese o pareri della Conferenza Stato-Regioni. Con il provvedimento viene operata una sorta di sanatoria, rinviando alla Conferenza Stato-Regioni, entro 30 giorni - gli atti gi adottati alla data di entrata in vigore del decreto. Vengono inoltre ridisciplinate le competenze di Cinecitt Holding per renderle in linea con il nuovo assetto organizzativo del Ministero per i beni e le attivit culturali. Inoltre viene stabilito che lassegnazione di una percentuale della quota del Fondo unico per lo spettacolo destinata al cinema non lunico canale di finanziamento pubblico della societ, prevedendo esplicitamente la possibilit di attribuire a Cinecitt holding le risorse del gioco del lotto. La gestione dei diritti di utilizzazione e di sfruttamento dei film finanziati con il sostegno pubblico viene affidata a Cinecitt Holding. Viene inoltre prorogato al 31 dicembre 2005 laffidamento alla BNL della gestione finanziaria del Fondo per le attivit cinematografiche. Riguardo alla Biennale di Venezia viene corretta una incongruenza dellordinamento vigente che consente al Presidente della regione Veneto e al Presidente della provincia di Venezia di nominare un proprio delegato in seno al consiglio di amministrazione della Fondazione La Biennale ma non prevede tale facolt per il sindaco di Venezia. Vengono infine previsti degli aggiustamenti tecnici relativamente alle collezioni numismatiche per allineare la normativa con il sistema di tutela previsto dal Codice dei beni culturali. Il provvedimento deve ancora andare alle Camere per la conversione in legge. (20 ottobre 2005)http://www.aziendalex.kataweb.it/article_view.jsp?idArt=29648&idCat=376 ------------------------------------------------------------ Il 29 luglio il Ministro dei Beni Culturali Rocco Buttiglione ha proposto in Consiglio dei Ministri un "un decreto-legge recante disposizioni in materia di attivit cinematografiche".

Dal sito del Governo: "In particolare il decreto prescrive (in ottemperanza ad una recente sentenza della Corte Costituzionale) che i decreti ministeriali adottati a sostegno del settore cinematografico devono essere sottoposti a parere, ovvero all'intesa della Conferenza Stato-Regioni. Si risolve cos un delicato contenzioso formatosi negli ultimi tempi, che coinvolge un numero considerevole di imprese e di addetti. Ulteriori norme modificano l'ordinamento della Biennale di Venezia, per consentire la piena operativit della Fondazione ed apportano aggiustamenti tecnici in materia di beni culturali e di collezioni numismatiche ai fini di un opportuno allineamento con il sistema di tutela previsto dal Codice dei beni culturali e del paesaggio. Il decreto prevede infine un ulteriore contributo per il completamento degli interventi di ristrutturazione del complesso sede del Centro per la documentazione e valorizzazione delle arti contemporanee di Roma".

Il DECRETO-LEGGE 17 agosto 2005, n.164 recante "Disposizioni urgenti in materia di attivita' cinematografica" (poi corretto in "Cinematografiche") stato successivamente pubblicato in Gazzetta Ufficiale, in data 18 agosto 2005.

L'articolo 4 determina modifica il recente DL 63/2005 in materia di archeologia preventiva e serie numismatiche, abrogando il comma relativo alle cosiddette monete "seriali e ripetitive". Inoltre lo stesso articolo 4 dispone la modifica dell'articolo 10 del Codice dei Beni Culturali (d.lgs. 42/2004).

--------------------------------------------------

Art. 4. Disposizioni in materia di beni culturali

1. Al decreto-legge 26 aprile 2005, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 2005, n. 109, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 2-quater, comma 2:

1) dopo le parole: indagini eseguite, sono eliminate le seguenti: qualifica l'interesse archeologico dell'area, secondo i seguenti livelli di rilevanza archeologica del sito,;

2) alla lettera b), le parole: non monumentali sono sostituite dalle seguenti: che non evidenziano reperti leggibili come complesso strutturale unitario;

3) alla lettera c), le parole da: di particolare rilevanza a: del paesaggio sono sostituite dalle seguenti: la cui conservazione non puo' essere altrimenti assicurata che in forma contestualizzata mediante l'integrale mantenimento in sito;

b) l'articolo 2-decies e' abrogato.

2. All'articolo 10, comma 3, lettera e), del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, dopo le parole: e particolari caratteristiche ambientali sono inserite le seguenti: ovvero per rilevanza artistica, storica, archeologica, numismatica o etnoantropologica e dopo la parola: interesse le parole: artistico o storico sono soppresse.

Al medesimo articolo 10, comma 4, lettera b), dopo le parole: le cose di interesse numismatico sono aggiunte le seguenti:

la cui produzione, in rapporto all'epoca, alle tecniche e ai materiali, non sia caratterizzata da serialita' o ripetitivit

---------------------------------------------------

Gi pronta la conversione in legge del decreto, C. 6055.

DISEGNO DI LEGGE

presentato dal presidente del consiglio dei ministri (BERLUSCONI)

e dal ministro per i beni e le attivit culturali (BUTTIGLIONE)

di concerto con il ministro per gli affari regionali (LA LOGGIA)

e con il ministro dell'economia e delle finanze (SINISCALCO)

Conversione in legge del decreto-legge 17 agosto 2005, n. 164, recante disposizioni urgenti in materia di attivit cinematografiche.

Presentato il 18 agosto 2005

Onorevoli Deputati! - Il presente decreto-legge consta di sei articoli, recanti disposizioni necessarie ed urgenti in materia di beni e attivit culturali. In particolare il provvedimento d'urgenza reca le seguenti disposizioni.

(...........) Le modificazioni previste dall'articolo 4 si rendono necessarie a seguito di una approfondita analisi letterale e sistematica delle norme in materia di verifica preventiva dell'interesse archeologico e di collezioni numismatiche, di cui agli articoli 2-quater e 2-decies del decreto-legge 26 aprile 2005, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 2005, n. 109.

Per quanto concerne le disposizioni in materia di verifica preventiva dell'interesse archeologico di cui si propone la modifica, emerso che la formulazione letterale del citato articolo 2-quater, comma 2, presenta un profilo di non perfetta corrispondenza rispetto al sistema di tutela predisposto dal Codice dei beni culturali, nel solco della disciplina vigente fin da prima della legge n. 1089 del 1939. Si tratta - occorre evidenziare - di precisazioni sostanzialmente terminologiche; in particolare appaiono improprie e fuorvianti l'espressione qualifica l'interesse archeologico dell'area, secondo i seguenti livelli di rilevanza archeologica del sito riferita alla relazione conclusiva della procedura di verifica preventiva dell'interesse archeologico, nonch, alla lettera b) del medesimo comma, l'espressione non monumentali e inoltre, alla successiva lettera c), l'aggettivazione (ivi introdotta) della valenza storico-archeologica.

Si rende pertanto necessaria una migliore scrittura di questa parte della disciplina del procedimento di verifica dell'interesse archeologico, al fine di una pi razionale collocazione dell'istituto nel sistema delle disposizioni di tutela, senza peraltro incidere n sulle esigenze, condivise dalle Amministrazioni statali interessate, che sono alla base e giustificano l'introduzione della nuova disciplina, n sulla sua portata applicativa sostanziale.

Occorre, dunque, chiarire che, in presenza di beni di interesse archeologico - l'ipotesi delle lettere b) e c) del comma 2, posto che la mancanza di un interesse tutelabile ricade nella lettera a) - il procedimento conduce a definire le diverse modalit di tutela dei reperti (conservazione in situ, integrale o parziale, oppure rimozione e musealizzazione), facendosi anche carico delle esigenze di spedita realizzazione delle opere, ma non comporta una graduatoria dell'interesse archeologico, che non ammessa dal sistema.

Per ci che attiene le collezioni numismatiche, la norma proposta mira, attraverso l'abrogazione dell'articolo 2-decies, che presenta non poche difficolt di ordine pratico-applicativo e che, nel tentativo di fare chiarezza, apre in realt un vulnus nella tutela delle cose di interesse numismatico, e la contestuale parziale riformulazione dell'articolo 10 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, recante il Codice dei beni culturali e del paesaggio, ad individuare in modo pi preciso l'oggetto della tutela in esame, nel rispetto della coerenza del quadro normativo del Codice stesso.

L'esigenza di chiarificazione trova una sua ragione d'essere nel fatto che l'introduzione di norme che considerano reperti archeologici le monete solo in rapporto al valore patrimoniale e alla rarit, operando di fatto una distinzione tra monete antiche di pregio (meritevoli di tutela) e monete seriali (escluse dagli obblighi di tutela), potrebbe generare l'errata convinzione che i materiali prodotti in serie siano di scarsa rilevanza. A ci si aggiunga che la norma che si intende abrogare, escludendo ogni obbligo di denuncia e notificazione alle competenti autorit, rischia di incentivare il commercio illegale di monete, legato alla piaga degli scavi clandestini.

Resta ferma la competenza delle Soprintendenze ad effettuare la valutazione tecnico-discrezionale circa la sussistenza o meno di un interesse culturale, quale ineliminabile momento della funzione di tutela anche in relazione alle monete ed alle collezioni numismatiche, stante l'insostenibilit, dal punto di vista logico e scientifico, di una disciplina particolare che differenzi il trattamento di questa tipologia di beni da quello previsto per le restanti categorie costituenti il patrimonio culturale nazionale.

--------------------------------------------

RELAZIONE TECNICA

(Articolo 11-ter, comma 2, della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni).

Articolo 5 (...........)

--------------------------------------------

Allegato (Previsto dall'articolo 17, comma 30, della legge 15 maggio 1997, n. 127)

TESTO INTEGRALE DELLE NORME ESPRESSAMENTE MODIFICATE O ABROGATE DAL DECRETO-LEGGE

(...........)

Art. 2-quater. (Procedura di verifica preventiva dell'interesse archeologico).

... (omissis) ...

2. La procedura di cui al comma 1 si conclude con la redazione della relazione archeologica definitiva, approvata dal soprintendente di settore territorialmente competente. La relazione contiene una descrizione analitica delle indagini eseguite, qualifica l'interesse archeologico dell'area, secondo i seguenti livelli di rilevanza archeologica del sito, e detta le conseguenti prescrizioni:

a) contesti in cui lo scavo stratigrafico esaurisce direttamente l'esigenza di tutela;

b) contesti non monumentali con scarso livello di conservazione per i quali sono possibili interventi di reinterro oppure smontaggio-rimontaggio e musealizzazione in altra sede rispetto a quella di rinvenimento; c) complessi di particolare rilevanza, estensione e valenza storico-archeologica tutelabili integralmente ai sensi del codice dei beni culturali e del paesaggio.

... (omissis) ...

Art. 2-decies. (Collezioni numismatiche).

1. Alla lettera A, numero 13, dell'allegato A al codice dei beni culturali e del paesaggio, la lettera b) sostituita dalla seguente:

b) Collezioni aventi interesse storico, paleontologico, etnografico o numismatico, ad eccezione delle monete antiche e moderne di modesto valore o ripetitive, o conosciute in molti esemplari o non considerate rarissime, ovvero di cui esiste un notevole numero di esemplari tutti uguali.

2. Per le monete di modesto valore o ripetitive, ovvero d cui esiste un notevole numero di esemplari tutti uguali, non rientranti nelle collezioni di cui alla lettera b) della lettera A, numero 13, dell'allegato A al codice dei beni culturali e del paesaggio, come sostituita dal comma 1 del presente articolo, escluso l'obbligo di denuncia di cui all'articolo 59 del medesimo codice, nonch ogni altro obbligo di notificazione alle competenti autorit.

Decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42.

Art. 10. (Beni culturali).

... (omissis) ...

3. Sono altres beni culturali, quando sia intervenuta la dichiarazione prevista dall'articolo 13:

... (omissis) ...

e) le collezioni o serie d oggetti, a chiunque appartenenti, che, per tradizione, fama e particolari caratteristiche ambientali, rivestono come complesso un eccezionale interesse artistico o storico.

4. Sono comprese tra le cose indicate al comma 1 e al comma 3, lettera a):

... (omissis) ...

b) le cose di interesse numismatico;

... (omissis) ...

DISEGNO DI LEGGE

Art. 1.

1. convertito in legge il decreto-legge 17 agosto 2005, n. 164, recante disposizioni urgenti in materia di attivit cinematografiche.

2. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.



news

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

20-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2017

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

Archivio news