LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

PDCI: PUNTI PER UN PROGRAMMA DI GOVERNO NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI

PUNTI PER UN PROGRAMMA DI GOVERNO NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI

ASSEMBLEA DI PROGRAMMA DEL PDCI, 5 MARZO 2005.

Il settore dei Beni Culturali stato fra i primi sui quali il Governo Berlusconi, nello svolgere la ben nota sua dirompente carica eversiva, ha esercitato la propria azione demolitoria: non a caso questo settore costituisce forse la punta di diamante tra quelli che quella parte dell'opinione pubblica animata da sentimenti antistatuali aveva da pi tempo avvertito come una trappola costituita da "lacci e lacciuoli", eredit del vecchio stato liberale. Nel primo biennio del ministero, infatti, nel momento di pi elevato consenso alla politica governativa, che coincide con la messa in atto della politica di Giulio Tremonti, si sono avuti gli attacchi formali pi sostanziosi al patrimonio dello Stato: la fase per intenderci che coincide con la costruzione del piano delle cartolarizzazioni, dell'Italia Patrimonio S.p.A. e dell'Italia Infrastrutture S.p.A. Uno dei successi dell'opposizione sta proprio nell'aver impedito alcuni macroscopici vulnera al nostro straordinario complesso di Beni Culturali, che si continua giustamente a ripetere coincide con oltre tre quarti di tutti i Beni Culturali del mondo. La mobilitazione dell'opinione pubblica pi attenta, che arrivata a spingere lo stesso consigliere di Urbani Salvatore Settis un libretto contro i progetti tremontiani, ha sicuramente fermato un piano, che peraltro si nel complesso sconfitto da solo, per la sua scarsa fattibilit amministrativa.

Non c' dubbio che una delle prime azioni di governo dovrebbe essere quella di ripristinare la legalit repubblicana, iniziando con il cancellare le vendite di beni messe in calendario dal Governo Berlusconi, vendite che sono giunte a comprendere terreni demaniali di interesse archeologico, come l'area del foro della colonia latina di Alba Fucens presso Avezzano.

Ma non c' dubbio che occorre riprendere dalle fondamenta una seria politica vincolistica, agendo su pi fronti e in particolare:

a. creare un archivio informatico centrale delle mappe delle zone e dei monumenti vincolati ex-lege 1089/39 ed ex-lege 1497/39, creando una rete con gli Uffici BBCC e Urbanistica delle Regioni, con l'impegno di estendere la rete ai Comuni;

b. rivedere con apppositi ispettorati regionali la situazione dei vincoli imposti con la legge 431 (legge Galasso), convocando una conferenza con gli Assessori regionali per ripristinare la legalit in questo settore, che la prassi di questi ultimi anni ha visto di fatto la "morte" di questa importante prassi vincolistica;

c. mettere allo studio una nuova legge-quadro urbanistica d'intesa con il Ministero delle Infrastrutture (ex Lavori Pubblici), che contempli l'obbligo della documentazione sui BBCC per i piani urbanistici.

Dove tuttavia necessario intervenire con decisione in quelli che sono i mali profondi del Ministero dei BBCC. Il primo fra tutti quello della sua ormai inarrestabile burocratizzazione, che il Governo Berlusconi ha reso quasi parossistica, inviando a dirigere non solo Direzioni Generali (che si sono moltiplicate oltre ogni dire per soddisfare appetiti di ascesa burocratica e e di espansioni clientelari), ma perfino Soprintendenze. La legge 805/75 istitutiva del Ministero voluta da Giovanni Spadolini, ma sostenuta anche da molti intellettuali di sinistra, come Ranuccio Bianchi Bandinelli, parlava di un "Ministero atipico" e non burocratico, svelto ed efficiente: oggi diventato un gigante malato e affollato da burosauri. Per questo importante che alla testa del Ministero sia un politico, evitando la soluzione di porvi a capo un tecnico, che viene agitata da molti.

Altro elemento fondamentale quello di restituire ai tecnici, archeologi, storici dell'arte e architetti, che operano nei ruoli del Ministero, la loro primaria funzione scientifica: deve cessare la prassi che vede i meccanismi di promozione del personale sostanzialmente ancorata a criteri di valutazione di tipo burocratico-amministrativao. I funzionari sono drammaticamente frustrati, sul piano economico e soprattutto sul piano della considerazione professionale nell'ambito della comunit scientifica, demotivati e afflitti da gravi complessi di inferiorit nei confronti dei loro omologhi attivi nelle Universit. Serve forse un minor numero di funzionari, mentre indispensabile un nerbo di buoni tecnici capaci di produrre cultura e scienza: occorre studiare meccanismi di incentivazione per indurre ispettori e direttori di musei a ritornare ai livelli di produttivit scientifica che l'Amministrazione conosceva fino agli anni '60 del secolo scorso. In questa prospettiva necessario l'avvio di una prassi, peraltro assai richiesta dai funzionari italiani, ma adottata solo dal Servizio delle Antichit delle Repubblica Greca, dei periodi di soggiorno retribuito dei tecnici presso grandi centri di studio dotati di biblioteche specializzate per consentire loro di produrre le relazioni scientifiche e gli studi che dovrebbero essere parte integrante dellla loro normale attivit, ma che ora sono dei meri optional, inutili per la carriera. Ma occorre anche rendere obbligatorio quello che solo una vaga e non rispettata deontologia professionale imporrebbe ad archeologi, storici dell'arte, architetti e archivisti, rendere cio noto in termini molto rapidi i risultati di scavi, restauri o riordini di archivi: ci si ottiene da un lato rendendo, come si appena detto, le pubblicazioni scientifiche obbligatorie per la progressione di carriera, e dall'altro subordinando la concessione di finanziamenti per la prosecuzione dei lavori alla produzione di rapporti preliminari da pubblicare negli organi scientifici del Ministero. Il gravissimo scandalo dell'inedito, oltre a danneggiare e in pratica condannare a morte sicura monumenti o materiali documentarii di grande rilievo, ci pone in coda ai Paesi sviluppati per la cura del proprio patrimonio culturale e artistico, una collocazione che appare ancora pi grave se si considera la responsabilit dell'Italia in materia, vista l'altissima concentrazione dei BB CC sul suolo nazionale.

L'altro grave nodo quello del rapporto Stato-Regione in fatto di BBCC, un nodo che nei fatti le modifiche apportate al Titolo V della Costituzione dal governo di centro-sinistra non hanno sciolto del tutto. Il tema va rimeditato alla luce dell'assetto dato dal Ministero dal Ministro Melandri e sconvolto nella sostanza, anche se non interamente nella forma dal Ministro Urbani.

Un terzo problema dato dallo sconvolgimento all'assetto delle Soprintendenze e dei Musei che le aggressioni della mano privata hanno apportato nella progressiva invasione di quest'ultima di ampie fette del patrimonio, senza alcuna garanzia scientifica: l'esempio pi grave e scandaloso quello messo in atto nel Museo Egizio di Torino, affidato ad una Fondazione privata dominata dal S.Paolo di Torino, nel cui consiglio di amministrazione non siede nessun egittologo. La prassi, mascherata di efficientismo e dalla giusta necessit di fornire musei e parchi archeologici di quelli che il burocratese definisce "servizi aggiuntivi", naturalmente ha finito con il consegnare al privato i pezzi pi rimunerativi del patrimonio. Questa tendenza, malauguratamente avviata gi del Governo di centro-sinistra, stata vieppi incentivata dall'adozione del Codice Urbani, notoriamente infatuato di questa smania privatizzatrice. Bisogna restituire al pubblico la gestione non dei servizi collaterali, ma del patrimonio, pena la divisione dei BBCC in Beni di serie A e Beni di serie B, C e oltre.

Meno privato, pubblico migliore. Su questo motto dobbiamo costruire una nuova politica dei BBCC e della cultura fatta in primis con le scuole di ogni ordine e grado, coinvolgendo universit e centri di ricerca nel miglioramento delle istituzioni museali, nella valorizzazione di complessi monumentali grandi e piccoli, in una parola del patrimonio "diffuso", nostra grandissima ricchezza e specifico nazionale. Meno privato, pubblico migliore dunque. Questo riguarda un diverso assetto dei bilanci mirati soprattutto alla manutenzione e meno agli interventi spettacolari, cui ci ha abituato la cattiva cultura dell'effimero.

Un ultimo cenno riguarda i problemi della catalogazione e delle attivit sul territorio, come scavi, mostre, attivit pedagogiche e cos via, che coinvolgono un elevato numero di giovani laureati e specializzati, un attivit che ascende a parecchie diecine di milioni di Euro. L'attivit va disciplinata e per certi versi moralizzata, rendendo non solo trasparenti i meccanismi di reclutamento e gli appalti, che nei casi dell'Alta velocit hanno dato luogo a infami caporalati gestiti da individui con pochi scrupoli e nessuna qualificazione scientifica. Uno dei primi interventi di gestione del Ministero va indirizzato proprio allo studio di questo fenomeno e all'emanazione di provvedimenti-tampone, che dovrebbero essere fra i primi da assumere una volta tornato il centro-sinistra al governo.



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news